Untitled Document
   
i luoghi della memoria artisti
:: Home :: Scrivici ::  
:: Photo live

Sabato, 17 agosto 2019  
18:49:20

Warning: include(D:\Inetpub\webs\rassegnalithosit\2002\inc\counter.php) [function.include]: failed to open stream: No such file or directory in D:\Inetpub\webs\rassegnalithosit\2002\inc\menu.php on line 219

Warning: include() [function.include]: Failed opening 'D:\Inetpub\webs\rassegnalithosit\2002\inc\counter.php' for inclusion (include_path='.;C:\PHPVersions\PHP52\includes') in D:\Inetpub\webs\rassegnalithosit\2002\inc\menu.php on line 219
 
Copyright 2000/2002 Associazione Folkstudio
All rights reserved 
CREDITS


> Progetto Lithos

Lithos 2002 Terza edizione
Edizione sintetica, concisa, minimalista, la terza di Lithos, transiti a sud-est. Uno scenario di grande fascino come gli Iblei con i paesi-presepi arroccati sull'altipiano (Palazzolo, Cassaro, Ferla, Buscemi) e una colonna sonora che racconta la Sicilia, la sua musica, la sua tradizione, il suo futuro.
La via degli Iblei quest'anno assumerà in se e totalizzerà l'intero percorso della memoria. In quattro giorni, i primi d'agosto, l'occasione di ascoltare musica di qualità, musica delle radici, musica etnica, contestualmente ad un viaggio nel fascino delle architetture barocche e dei musei etno-antropologici: Palazzolo Acreide con la Casa Museo di Antonino Uccello, Cassaro con le sue Chiese di candida pietra, Ferla con i suoi palazzi, i conventi, le Chiese; Buscemi, indimenticabile paese-museo. Rianimati da confortevoli brezze serali e ospitati all'interno di siti ricchi di storia e di cultura, potremo ascoltare canti e musiche della nuova tradizione siciliana: le dolci note delle ballate di Sara Cappello, cantatrice palermitana, da più parti segnalata come la nuova Rosa Balistreri; le musiche mediterranee, variopinte e multi-ritmiche dei Melthemi; le storie appassionanti, epiche, teatrali di Luigi di Pino; le nuova proposta giovane e frizzante degli Gnorri; le mie nuove canzoni che raccontano la Sicilia dei nostri giorni.
Musiche e canti che parlano la lingua siciliana dei nostri padri; quella che adattandosi docilmente è arrivata fino al terzo millennio; quella che, grazie anche al nostro lavoro, potremo sperare un giorno di ascoltare anche dai nostri figli.

Il Direttore artistico
Carlo Muratori